domenica 13 aprile 2014

Gemmoterapia nelle allergie : Ribes nigrum

Il Ribes nigrum o cassis appartiene alla Famiglia delle Sassifragacee.
E’ un arbusto spontaneo tipico del centro Europa e dell’Asia settentrionale. E’ caratterizzato
da  fiori poco appariscenti di colore verde-biancastro raccolti in racemi pendenti  che compaiono in primavera. I frutti maturano in  agosto-settembre, sono bacche globose di colore viola scuro, ricche di semi, riunite in grappoli brevi e caratterizzate da un aroma e sapore caratteristici che non le rendono adatte al consumo diretto. Il Ribes nigrum può raggiungere anche i 2m di altezza, il fogliame è deciduo e i fusti ramosi.
Conosciuto come pianta medicamentosa sino dal XVIII secolo, raggiunge la fama di panacea di tutti i mali, per poi essere dimenticato sino al XX secolo,  periodo in cui  il suo utilizzo viene ripreso. Fra le preparazioni più conosciute e diffuse c’è sicuramente il gemmoderivato, un prodotto fitoterapico in forma liquida ricavato dalla macerazione delle gemme di questa pianta in una soluzione idrogliceroalcolica (Ribes nigrum MG1DH).
Componenti: derivati fenolici (flavonoidi, antociani), picnogenoli (procianidine, prodelfinidine), aminoacidi (arginina, prolina, alanina…) e vit C in buona concentrazione.
Le sue proprietà fondamentali sono
1   1)   antiinfiammatoria: sostenuta soprattutto dai flavonoidi che si oppongono alla liberazione di sostanze proflogogene ed inoltre,  data la loro azione vitamino-P simile, migliorano il microcircolo e quindi la vascolarizzazione locale. Secondo alcuni A. inoltre flavonoidi e antociani inibiscono alcuni enzimi di degradazione (collagenasi, elastasi…) contribuendo in tale modo all’attività antiflogistica. Inoltre i derivati fenolici presentano un effetto regolatore sulla permeabilità delle membrane cellulari  e un’ azione di risparmio  dell’acido ascorbico. I globuli bianchi attivati dalla vit C aiuteranno l’organismo a rispondere meglio alle infezioni. Proprio per la sua azione antinfiammatoria il Ribes può essere utilizzato in diverse patologie quali acne, prostatite, sinusite, malattie dell’apparato osteosteoscheletrico, respiratorio ecc
2   2)      antiallergica per le proprietà antistaminiche e di stimolo sulla corteccia surrenale.

lunedì 7 aprile 2014

Medicinali Omeopatici per la Rinocongiuntivite Allergica

HISTAMINUM MURIATICUM
Il dicloridrato d’istamina è un cristallo incolore, solubile nell’acqua.
E’ un rimedio ad azione limitata alle Allergie
Allergie Cutanee: può  essere utilizzato in tutti i casi di edema(gonfiore ),  nell’orticaria, negli edemi allergici o negli eritemi ed eczemi .
Rinocongiuntiviti Allergiche
Asma allergica (come compendio alla terapia convenzionale)

POUMON HISTAMINE
Ottenuto a partire dal polmone di una cavia in shock anafilattico provocato artificialmente .
Contiene numerosi mediatori di allergia e di infiammazione (istamina , leucotrieni ecc.)che sono responsabili dell’amplificazione della reazione allergica.
Per tale motivo è indicato alla fisiopatologia della reazione allergica immediata.
Azione generale:
Il rimedio è indicato nella regolazione dei meccanismi della reazione allergica , in particolare delle vie respiratorie , agisce grazie a una modulazione dell’attivazione della degranulazione delle cellule basofile.
 Indicazioni cliniche:
Allergie delle vie respiratorie , rinite e asma allergica
Allergie cutanee.

domenica 30 marzo 2014

L’allergia primaverile è in arrivo…

La primavera è in arrivo e con lei i primi disagi legati alla presenza di polline di alberi, erbe e fiori che nei soggetti predisposti possono causare un’allergia definita oculorinite allergica.
Questa è una sindrome stagionale indotta dalla presenza di allergeni inalanti che determinano  una eccesiva produzione di anticorpi IgE cui segue un’iper-reattività delle mucose  respiratorie .
Il periodo di comparsa della sintomatologia deriva dal tipo di allergene a cui si riferisce.
 Nella popolazione mondiale la prevalenza della rinite allergica è stimata tra il 15 ed il 25 per cento, mentre in Italia gli ultimi dati riportano che ne soffre un italiano su sei.
I sintomi di allergia sono in aumento in particolare nell’età infantile.
La rinite allergica infatti, può iniziare a manifestarsi già nel primo anno e mezzo di vita. È quanto emerge da uno studio francese di Herr e Clarisse, comparso su Allergy (2011, 66: 214-21). Dallo studio è emerso che la prevalenza dei sintomi di rinite allergica era del 9,1% e  la storia pregressa di rinite allergica in entrambi i genitori aumentava di due volte il rischio di rinite allergica nel primo  anno e mezzo di vita.
I medicinali omeopatici e/o fitogemmoterapici possono aiutare a controllare la sintomatologia riducendo il ricorso a farmaci antistaminici/cortisonici.
Medicinali Omeopatici per la rinocongiuntivite allergica

martedì 25 marzo 2014

DISTURBI DEL PRIMO TRIMESTRE DI GRAVIDANZA : LA NAUSEA

Il primo trimestre di gravidanza è dominato da importanti cambiamenti dell’organismo materno, che si deve adattare alla nuova situazione, organizzarsi per supportare e nutrire la nuova vita.
Durante questo periodo cresce in maniera esponenziale l’”ormone della gravidanza” (beta HCG)
e vengono prodotti in misura maggiore anche gli ormoni femminili, estrogeni e progesterone. Questi hanno la capacità di raggiungere e stimolare il centro della nausea posto nell’ipotalamo ( una zona del cervello) e sembra anche possano influenzare il rinoencefalo  che sovraintende alla percezione degli odori. Capita infatti frequentemente che questi siano uno dei fattori scatenanti il vomito.

domenica 16 marzo 2014

DISTURBI DEL SONNO IN UN BAMBINO SU QUATTRO SOTTO I TRE ANNI

Continui risvegli, pianti, incubi notturni, paura del buio. Circa il 20-25% dei bambini da zero a 3 anni d'età, nei Paesi occidentali, presenta disturbi del sonno. Una percentuale che sembra addirittura in aumento, anche a causa della diffusione di giochi al pc, televisione, video-game. Eppure durante il riposo l'organismo risparmia energia e riorganizza tutte le sue attività metaboliche e funzionali. Lo ricordano gli esperti dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, in vista della Giornata mondiale del sonno, organizzata il 14 marzo dal World Sleep Day Committee dell'Associazione mondiale di medicina del sonno.

domenica 9 marzo 2014

ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA

La gravidanza è un evento fisiologico. Possono però, talora, comparire alcuni fastidi che possono essere facilmente governati con alcuni presidi di igiene di vita ed alcuni appoggi omeopatici. 


-SCEGLIERE UNA ALIMENTAZIONE PIU’ EQUILIBRATA E NATURALE POSSIBILE

-NON MANGIARE PER DUE, MA NON SALTARE I PASTI O FRAZIONARLI IN CASO DI NAUSEA.

-NIENTE FUORI PASTO IN PIÙ, SE PROPRIO NON SE NE PUÒ FARE A MENO SGRANOCCHIARE UNA MELA O UNA CAROTA CRUDA.

-AUMENTATE  LA QUANTITA’ DI ACQUA, PREFRIBILMENTE NON GASATA (ALMENO 1,5 LT AL DÌ),   EVENTUALMENTE SOSTITUIBILE CON TISANE O SUCCHI DI FRUTTA NON ZUCCCHERATI.

-RIDUCETE DRASTICAMENTE QUELLA DI ALCOLICI E DI CAFFE’ O THE’ ( MAX 2 AL DI’).

domenica 2 marzo 2014

Lo svenimento “procurato” (seconda parte)

Il collo è la parte più facilmente vulnerabile del corpo umano: è via obbligata di comunicazione bidirezionale cervello/ corpo, ma anche tra aria ed apparato respiratorio, ed anche via obbligata di accesso di alimenti e acqua.

In termini di essenzialità per la sopravvivenza, possiamo resistere, grosso modo:
5 minuti senz'aria
5 giorni senz'acqua
5 settimane senza cibo.

Vediamo bene che attraverso il collo passano tutte le connessioni indispensabili per il mantenimento della vita: esse sono respiratorie, circolatorie, nervose e legate alla nutrizione.