domenica 19 marzo 2017

OSTEOPATIA E BAMBINI

L'Osteopatia fa parte di quella branca della medicina definita "alternativa".
Quando un individuo va dall'Osteopata viene trattato in "toto" e non solo per la sintomatologia che presenta in quel momento storico della propria vita, questo perchè l'Osteopatia cerca di capire qual'è la CAUSA del malessere. Spesso succede che causa e sintomo non coincidono e si trovano su diverse zone del corpo.
L' Osteopatia si avvale di diverse metodiche: viscerale, fasciale, cranio-sacrale, strutturale...ma tutte sono volte al riequilibrio della fisiologia del paziente.
Sempre di più, ultimamente, si sente parlare anche in Italia di Osteopatia Pediatrica: in nord Europa e in America la figura dell'Osteopata affianca l'Ostetrica al momento della nascita, fortunatamente anche da noi questo sta diventando realtà e questo servizio è già attivo in alcuni degli Ospedali italiani.

domenica 12 marzo 2017

PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA (seconda parte)

Per ridurre i fastidi  legati alle patologie benigne della mammella la fitoterapia e l’omeopatia possono  venirci incontro.
 La BOSWELIA è una pianta detta anche incenso indiano.  Gli acidi boswelici  sono in grado di inibire la catena delle reazioni infiammatorie riducendo di conseguenza il dolore percepito. Può essere utilizzata per via orale ma anche come terapia topica, localmente sulla mammella.
La VITEX AGNUS CASTUS è utile in caso di sindrome premestruale con tensione addominale e mammaria, stanchezza, irritabilità. Possiede azione  modulatoria su alcuni ormoni ipofisari, in particolare la prolattina.
In omeopatia la terapia va sempre personalizzata a comprendere, se possibile, caratteristiche particolari e
comportamentali del paziente.
Possiamo però citare alcuni medicinali:
PHYTOLACCA DECANDRA  agisce sulle reti linfatiche soprattutto di tonsille e mammelle e sui connettivi fibrosi. Ha un effetto regolatorio sul sistema endocrino.
La mammella  ha una consistenza  aumentata, nodulare.
Sono più responsive donne che sentono l’umidità, i cambiamenti di tempo, il freddo umido, ipersensibili  e che mal tollerino il dolore.  Talora abbattute e con dolori muscolari.

sabato 4 marzo 2017

dibattito: VACCINI OBBLIGATORI A MILANO ?

La riflessione aperta dal Comune di Milano sulla possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale per poter accedere agli asili comunali e convenzionali rappresenta un’occasione importante di confronto e partecipazione della cittadinanza, tra competenze, responsabilità e aspettative diverse.
Il sindaco è il responsabile della condizione dalla salute dei suoi cittadini e condivide con il Consiglio Comunale questa responsabilità. Per legge (decreto Bindi del ’99) deve controllare la gestione del Servizio Sanitario fatta a livello locale dall’Agenzia a Tutela della Salute (l’operato del direttore generale). Il sindaco deve quindi conoscere lo stato di salute della sua comunità e deve prendere provvedimenti anche preventivi. E’ quello che succede, per esemplificare, con la limitazione del traffico all’innalzarsi e perdurare dell’inquinamento atmosferico. 

La comunità è un’insieme variegato di persone (popolazione) e quindi per qualsiasi provvedimento ci sono i favorevoli e i contrari, i detrattori e i promotori, tutti con le proprie ragioni. I decisori lo sanno e quindi la forza dei loro provvedimenti in termini di consenso e partecipazione deve basarsi sull’appropriatezza dell’intervento proposto o attivato, la sua fattibilità e la comprensione da parte della cittadinanza. Quindi l’informazione (conoscenza) sia dei decisori che della popolazione è (prima, durante e in seguito) essenziale.

C’è un pericolo reale per la popolazione infantile milanese? I dati forniti dall’ATS Milano Città Metropolitana dovrebbero facilitare la risposta.

domenica 26 febbraio 2017

Febbraio, breve ma intenso.

1 febbraio: diritto di voto alle donne in Italia
4 febbraio: viene lanciato in rete Facebook
6 febbraio: nasce Beatrice Cenci
7 febbraio: giorno del Safer Internet Day
14 febbraio: giorno di San Valentino
15 febbraio: nasce Youtube
23 febbraio: viene stampato il primo libro della storia (la Bibbia di Gutenberg)
25 febbraio: eletto per la prima volta un afroamericano al Congresso

E sono solo alcuni dei grandi avvenimenti storici del mese più corto dell’anno. Certo, qualcuno potrebbe chiedersi che senso abbia questo elenco storico nella sezione di psicologia del nostro blog. Bene, con un volo apparentemente pindarico vorrei parlarvi della cura.

domenica 19 febbraio 2017

Il sonnellino nei bimbi in età pre-scolare migliora l apprendimento

Una ricerca dell’Università dell’Arizona, pubblicata sulla rivista Child Development, ha verificato che un sonnellino pomeridiano migliora l’apprendimento dei bambini anche in età prescolare, tra i 3 e 6 anni.
Lo studio
I ricercatori hanno esaminato 39 bambini di 3 anni, dividendoli in due gruppi: quelli che facevano il pisolino abitualmente (4 o più giorni la settimana) e chi no (3 o meno giorni la settimana). Ad ognuno dei due gruppi ai bambini è stato assegnato, in modo casuale, un sonnellino di almeno 30 minuti dopo aver appreso un nuovo verbo, o una condizione di veglia.
Poi hanno insegnato loro due verbi inventati in inglese – blicking e rooping – e hanno mostrato loro un video in cui due diversi attori recitavano con il corpo azioni in modo corrispondente al presunto significato di ogni verbo. Ventiquattro ore dopo, i bambini hanno visto i video con i due attori e con altri diversi mentre eseguivano le stesse azioni che avevano imparato il giorno prima, ed è stato chiesto loro quale persona stesse facendo ‘blicking’ e quale ‘rooping’.

domenica 12 febbraio 2017

Il potere delle Musica ...


La nostra canzone preferita ha sul cervello la stessa azione dell’Lsd. A rivelarlo è uno studio coordinato da Katrin Preller, dell’Università di Zurigo, pubblicato su Current Biology. La scoperta potrebbe aiutare a mettere a punto nuove cure per il trattamento di malattie psichiatriche o fobie, che causano anomalie nel significato che si dà alle cose.
”Ora – ha osservato Preller – sappiamo quali regioni del cervello e quali recettori sono coinvolti quando percepiamo il nostro ambiente come significativo”. La scoperta è stata possibile grazie a un esperimento, condotto su un gruppo di volontari, che ha indagato come l’Lsd influenza il modo in cui si percepisce l’ambiente e si attribuisce un significato alle cose.

domenica 5 febbraio 2017

PATOLOGIA BENIGNA DELLA MAMMELLA(prima parte)


Quando la struttura della mammella è fibroghiandolare , capita che toccandola ci appaia piena di piccoli nodulini .
In fase premestruale diventa dolente anche soltanto con lo sfregamento e la assunzione di pillola può accentuare queste sensazioni.  Tutto questo crea fastidio e preoccupazione.
Come trovare sollievo?
La mammella possiede recettori per rispondere a stimoli ormonali da parte degli ormoni femminili e della prolattina (l’ormone che stimola la produzione di latte quando necessaria).
Prima di tutto ricordiamo le solite regole in merito allo stile di vita che risultano utili nel mantenere basso il rischio di cancro, tenendo presente  che il dolore mammario non è segno di tumore.
Attività fisica e attenzione alla alimentazione per ridurre la quantità di tessuto adiposo che è la seconda sede di produzione di estrogeni  ( gli ormoni femminili principali), in particolare di estrone. Questo specifico estrogeno ( quello prodotto dalle ovaie si chiama estradiolo) stimola alcuni recettori, chiamati ALFA, che promuovono le attività proliferative, cioè di crescita delle cellule mammarie.
Moderare al massimo la assunzione di alcool che interviene decisamente nell’incrementare il rischio di tumore al seno.